La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

CCIR

I TWEET

RT @camcom_novara: 🌍 #Export provincia di #Novara 📈 Vendite all'#estero in aumento del +3,7% nei primi 9 mesi 2018 ✈ Ottima performance per…
#Contraffazione dell’#Euro in Italia: fenomeno in calo ma 2017 si chiude on sequestro record di monete https://t.co/v5kYGjbi06
#Cortedeiconti europea: “Investimenti in ritardo. Il settore dei #trasporti costituisce una delle basi dell’integra… https://t.co/WTfi6VKag6
Banca centrale #Cile: “Tasso d'inflazione entro il 3% nei prossimi 2 anni” https://t.co/AUhcUZN1SH

I deputati hanno adottato, ieri, nuove norme per accelerare il congelamento e la confisca dei proventi di reato in tutta l'UE. Le nuove norme, già concordate in via informale tra il Parlamento e i ministri dell'UE in giugno, renderanno più rapido e semplice per gli Stati membri il congelamento e la confisca transfrontalieri dei proventi di reato.

Privare i criminali dei loro beni è uno strumento importante per combattere la criminalità organizzata e il terrorismo. Tuttavia, secondo uno studio di Europol del 2016, attualmente nell'UE viene confiscato solo l'1,1% dei profitti criminali.

Le nuove misure prevedono: lintroduzione di scadenze: un Paese UE che riceve un ordine di confisca da un altro Paese UE disporrà di 45 giorni di tempo per eseguire l'ordine; i provvedimenti di congelamento transfrontalieri devono essere eseguiti con la stessa rapidità e priorità di quelli nazionali. Le autorità avranno quattro giorni di tempo per congelare i beni se la richiesta di confisca è urgente; documenti standardizzati: saranno utilizzati certificati e moduli standard per garantire che i Paesi UE agiscano più rapidamente e comunichino in modo più efficiente; un ambito di applicazione più ampio: ove richiesto, i Paesi UE potranno confiscare beni ad altre persone legate all’organizzazione criminale in questione e potranno anche agire nei casi in cui non vi sia una condanna (ad esempio, se l'indagato è fuggito); nuovi diritti per le vittime: le vittime saranno le prime a ricevere un risarcimento quando i beni confiscati saranno distribuiti.

Citazione.  La relatrice Nathalien Griesbeck (ALDE, FR) ha dichiarato: “Questo strumento di riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e confisca rafforza la giustizia europea. È più equo per le vittime e consolida la nostra lotta contro il finanziamento del terrorismo. Il Parlamento vigilerà attentamente per garantire che le nuove norme siano attuate rapidamente ed efficacemente”.

Prossime tappe.  Il regolamento è stato approvato con 531 voti favorevoli, 51 contrari e 26 astensioni. Le nuove norme richiedono ancora l'approvazione formale del Consiglio. Esse si applicheranno 24 mesi dopo la loro entrata in vigore.

Queste norme fanno parte di un pacchetto di misure volte a rafforzare la capacità dell'UE di combattere il finanziamento del terrorismo e della criminalità organizzata. Il Parlamento ha già approvato in settembre norme più severe contro il riciclaggio di denaro e sui flussi di cassa.

 

 

 

EN IT