La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

I proprietari di cani, gatti e furetti possono viaggiare in tutta l’Unione europea con i propri amici animali grazie alle norme armonizzate a livello UE in materia di trasporto non commerciale di animali da compagnia. Prima di partire è necessario verificare che l’animale sia dotato di microchip registrato o di un tatuaggio chiaramente

leggibile per l’identificazione, in caso quest’ultimo sia stato fatto prima del 3 luglio 2011.

Il proprietario deve assicurarsi di essere in possesso di un passaporto dell’animale rilasciato da un veterinario competente che dimostri l’avvenuta vaccinazione contro la rabbia e attesti l’idoneità a viaggiare dell’animale. Coloro che intendono viaggiare con il proprio cane in Finlandia, Irlanda, Malta, Regno Unito o Norvegia devono obbligatoriamente sottoporre l’animale al trattamento contro la tenia Echinococcus multilocularis.

 

 

 

EN IT