La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

L'EMA (Agenzia Europea per i Medicinali) prevede una perdita di personale pari a circa il 30% nel trasferimento dei propri uffici da Londra ad Amsterdam. L'elevato grado di incertezza in merito alla possibilità di mantenere il proprio staff nel medio termine, costringerà l'Agenzia a ridurre e a sospendere alcune attività.

Inizialmente l'EMA aveva dichiarato che l'80% dei 900 dipendenti si sarebbe trasferito ad Amsterdam, ma tale numero si è ridotto, poiché 135 unità di personale, con contratti a tempo determinato, non saranno in grado di farlo a causa delle differenti norme sul lavoro vigenti nei Paesi Bassi rispetto al Regno Unito. Un ulteriore, serio,  ostacolo è costituito dalla difficoltà di trovare un alloggio nella città di Amsterdam, per cui i dipendenti EMA sono incoraggiati a considerare Haarlem, L'Aia, Alkmaar e Rotterdam come potenziali alternative. Infine, Amsterdam non disponendo di alcuna scuola internazionale finanziata dall'Unione Europea, impone ai genitori di rivolgersi al costoso settore privato. (ICE BRUXELLES)

 

 

 

EN IT