CCIR

I TWEET

Il CIPE ha adottato decisioni attuative riguardanti il ciclo di programmazione della XVII Legislatura. Approvati i progetti definitivi della SS n. 341 “Gallaratese” e della SS n. 38 “Accessibilità Valtellina, Lotto 4 – Nodo di Tirano” 3°, e il progetto preliminare del raccordo Salerno/Avellino fino allo svincolo di Avellino Est dell’A16.

Attuato il riparto disposto dal Ministro della salute per la riqualificazione e l’ammodernamento tecnologico dei servizi di radioterapia oncologica.

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) nella seduta del 21 marzo 2018, presieduta dal Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha adottato una serie di deliberazioni attuative in materia di infrastrutture, sanità e antimafia.

Infrastrutture.  Il CIPE, su proposta del Ministro per le infrastrutture e dei trasporti, ha approvato il progetto definitivo della SS n. 341 “Gallaratese”, a fronte di un costo complessivo dell’opera di circa 118 milioni di euro.

Il CIPE ha, inoltre, approvato il progetto preliminare per il conferimento di caratteristiche autostradali al raccordo Salerno/Avellino compreso l’adeguamento delle SS nn. 7 e 7-bis, fino allo svincolo di Avellino Est dell’A16, relativamente al primo stralcio da Mercato S. Severino allo svincolo Fratte, per un costo complessivo dell’opera di circa 232,3 milioni di euro.

Il Comitato ha approvato, inoltre, il progetto definitivo delle tratte A (svincolo di Bianzone – svincolo La Ganda ) e B (svincolo La Ganda – Campone in Tirano), della SS n. 38 “Accessibilità Valtellina, Lotto 4 – Nodo di Tirano”, dal costo complessivo dell’opera di 143,3 milioni di euro, approvando contestualmente le necessarie varianti alla localizzazione degli elettrodotti esistenti di proprietà di Terna S.p.A..

Il Comitato ha, infine, approvato il procedimento autorizzativo della variante di cantierizzazione della nuova Linea Ferroviaria Torino-Lione, in ottemperanza alla prescrizione n. 235 della Delibera CIPE n. 19 del 2015.

Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC).  Il Comitato ha preso atto delle decisioni della Cabina di Regia, nella riunione del 16 marzo 2018, in merito alle modifiche apportate, nel corso della seduta del CIPE del 28 febbraio 2018, ai Piani Operativi approvati “Cultura e turismo”, “Ambiente”, “Sviluppo economico”, “Salute” e ai poli tecnologici di Genova e Bolzano, per un valore complessivo di 2.940 milioni di euro, che risultano, pertanto, ratificati.

Salute.  Il Comitato, su proposta del Ministro della salute, ha deliberato l’attuazione del decreto di riparto del Ministro della salute del 6 dicembre 2017, che prevede l’assegnazione, tramite delibera CIPE, alle Regioni del Mezzogiorno, di 100 milioni di euro per la riqualificazione e l’ammodernamento tecnologico dei servizi di radioterapia oncologica.

Commercio con l’estero.  Il Comitato ha deliberato l’estensione della garanzia aggiuntiva dello Stato a operazioni SACE di copertura assicurativa delle esportazioni al settore “difesa”, ritenendolo strategico per l’economia italiana, fissando i limiti di esposizione al rischio dello Stato all’interno dei quali potranno essere successivamente approvate singole operazioni. Il CIPE ha, inoltre, fissato limiti di esposizione per specifiche operazioni con controparte sovrana in Argentina, Egitto e Kenya. I contratti nel settore che si prevede usufruiranno della garanzia avranno le seguenti ricadute: maggior valore della produzione di circa 83 miliardi, PIL in aumento di circa 29 miliardi, maggiore occupazione per 396.500 unità lavorative annue.

Terze linee guida antimafia.  Il CIPE ha approvato le terze Linee-guida antimafia di cui all’articolo 30 del decreto legge 17 ottobre 2016, n. 189, convertito dalla legge 15 dicembre 2016, n. 229, recante “Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto 2016. Le Linee-guida sono state adottate dal Comitato di coordinamento (CCASIIP), di cui all’articolo 203 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, nella seduta dell’8 marzo 2018. Le terze Linee-guida prevedono che alla Sezione Speciale dell’Anagrafe Antimafia degli esecutori, istituita con decreto legge n. 148 del 16 ottobre 2017 e ove confluisce l’elenco degli operatori economici interessati all’esecuzione degli interventi relativi alla ricostruzione in Abruzzo post-sisma del 2009, vengano applicate, in quanto compatibili, le disposizioni generali che già regolano l’Anagrafe Antimafia stessa.

 

 

EN IT