CCIR

I TWEET

TRIBUNA ECONOMICA GOOGLE AMP

Tribuna Economica ha aderito al nuovo progetto tecnologico per editori, AMP di Google.

Dal 2 maggio, tutte le notizie pubblicate nell'edizione online di Tribuna Economica possono essere lette anche in Accelerated Mobile Pages.

Nel 2015 le multinazionali consolidano il contributo positivo alla crescita del sistema produttivo italiano, rafforzandone la prospettiva di crescente apertura e integrazione internazionale. Le imprese a controllo estero in Italia sono 14.007 (+438, con quasi 6 miliardi di fatturato in

più rispetto al 2014), le controllate italiane all'estero ammontano invece a 22.796 (+408 unità e +13 miliardi di fatturato all'estero).

L'ampliamento della presenza delle multinazionali estere in Italia risente positivamente di alcune importanti acquisizioni di imprese a controllo nazionale anche di tipo multinazionale, mentre l'espansione all'estero delle multinazionali italiane è stata trainata soprattutto dalla crescita di unità già presenti nel 2014.

Le multinazionali estere registrano in Italia una forte crescita del valore aggiunto (+7,6% rispetto al 2014) e della spesa in Ricerca e sviluppo (+9,2%). Contribuiscono, inoltre, per oltre un quarto all'export nazionale di merci (26,1%) e per il 45% agli acquisti di merci sui mercati internazionali.

Le multinazionali italiane confermano la loro presenza all’estero in 173 paesi, mostrando un notevole dinamismo. Il settore manifatturiero, con il 30,3% delle controllate italiane all’estero e il 52,1% degli addetti, mette a segno un +5,9% su anno per il fatturato e un +18,8% del fatturato al netto degli acquisti in beni e servizi.

Le imprese a controllo estero mostrano, in media, una performance migliore di quelle a controllo nazionale residenti in Italia, anche con riferimento alle grandi imprese (250 addetti ed oltre): la produttività del lavoro è pari, rispettivamente, a 73,8 mila e 59,5 mila euro.

Gli Stati Uniti sono il paese con il più elevato numero di imprese a controllo estero in Italia e addetti (2.347 imprese con quasi 279 mila addetti) e conservano il primato anche come principale paese di localizzazione degli investimenti esteri italiani (oltre 142 mila addetti nell'industria e oltre 108 mila nei servizi).

Il trasferimento intra-gruppo di conoscenze scientifiche e tecnologiche dall'estero è importante per circa un terzo delle controllate in Italia delle multinazionali estere, con quote più elevate nell'industria (39,3%) rispetto ai servizi (32,2%).

Considerevole, seppure non maggioritaria, è la quota di fatturato esportato verso l'Italia dalle controllate estere delle multinazionali italiane nei settori tradizionali del Made in Italy: industrie tessili e abbigliamento (42,6%), fabbricazione di articoli in pelle (37,7%) e fabbricazione di mobili e altre industrie manifatturiere (28,7%)

 

L'espansione all'estero delle multinazionali italiane continua anche nel periodo 2016-2017: il 51,2% ha infatti realizzato o programmato nuovi investimenti di controllo estero.

EN IT