CCIR

I TWEET

TRIBUNA ECONOMICA GOOGLE AMP

Tribuna Economica ha aderito al nuovo progetto tecnologico per editori, AMP di Google.

Dal 2 maggio, tutte le notizie pubblicate nell'edizione online di Tribuna Economica possono essere lette anche in Accelerated Mobile Pages.

Forte impulso al settore spaziale italiano e nuove opportunità di cooperazione scientifica e tecnologica per le grandi sfide dell’esplorazione, della comunicazione satellitare, dell’osservazione della terra e della gestione dei disastri naturali. Queste le prospettive dischiuse dal nuovo Accordo tra

il Governo della Repubblica italiana e le Nazioni Unite, e dal Memorandum di Intesa tra Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e Ufficio delle Nazioni Unite per lo Spazio Extra-Atmosferico (UNOOSA) firmati a Vienna il 20 novembre, a margine del workshop internazionale ‘Open Universe’.

Il Presidente dell’ASI Roberto Battiston e la Direttrice di UNOOSA Simonetta Di Pippo hanno sottolineato come Italia e Nazioni Unite condividano una visione di apertura e di condivisione della ricerca spaziale, con l’obiettivo di farne un motore di conoscenza e di sviluppo su ampia base, in linea con l’Agenda globale dello Sviluppo.

Organizzato congiuntamente dal nostro Paese e da UNOOSA con il sostegno del Comitato per l’Uso Pacifico dello Spazio Extra-atmosferico (COPUOS) il workshop Open Universe - a margine del quale sono stati firmati i due accordi - ha visto la partecipazione di circa 90 esperti provenienti da numerosi Paesi. Al centro dei lavori il tema dell’accessibilità ai dati della ricerca spaziale, che dovranno essere resi disponibili – si è detto - in ogni luogo del mondo. Aprendo i lavori, la Rappresentante Permanente italiana presso le Organizzazioni Internazionali a Vienna, Ambasciatore Maria Assunta Accili, ha ricordato il ruolo dell’iniziativa nella prospettiva dello “storico appuntamento di UNISPACE+50, che nel giugno 2018 radunerà a Vienna i Vertici dei Paesi membri delle Nazioni Unite per celebrare il cinquantesimo anniversario di UNISPACE I, prima Conferenza sullo spazio extra-atmosferico”.

 

La firma degli accordi e il successo riscontrato dall’iniziativa ‘Open Universe’ confermano l’importanza che l’Italia attribuisce alla diplomazia dello spazio e consolidano la posizione del settore spaziale italiano, nell’ambito delle Nazioni Unite e della comunità  internazionale, all’insegna dell’eccellenza e della crescita.  (Farnesina) 

EN IT