I TWEET

TRIBUNA ECONOMICA GOOGLE AMP

Tribuna Economica ha aderito al nuovo progetto tecnologico per editori, AMP di Google.

Dal 2 maggio, tutte le notizie pubblicate nell'edizione online di Tribuna Economica possono essere lette anche in Accelerated Mobile Pages.

Nostra intervista.  Sono trascorsi quasi dieci anni dalla fondazione di Enel Green Power, avvenuta nel dicembre del 2008. Lo stesso anno la Divisione Rinnovabili di Enel ha fatto il suo ingresso anche in Messico con l’acquisizione di tre impianti idroelettrici, mentre oggi è il più grande operatore di energia pulita nel Paese in termini di

capacità installata e di progetti in portafoglio. Tribuna Economica, insieme a Paolo Romanacci, Country Manager per Enel Green Power in Messico e Centro America, traccia il futuro delle rinnovabili nel Paese e delle prossime sfide che il Gruppo Enel si appresta ad affrontare

 

(la sintesi dell’intervista è stata pubblicata nelle’edizione cartacea di Tribuna Economica del 27 febbraio 2017 all’interno del servizio “Rapporti Ambasciate Messico”; vai alla pubblicazione).

 

Dott. Romanacci, come è distribuita la presenza di Enel Green Power in Messico?

EGP gestisce nel Paese una capacità installata di circa 730 MW provenienti principalmente da tecnologia eolica (676 MW) suddivisa in sei impianti situati negli stati di Oaxaca, San Luis Potosí, Jalisco e Zacatecas. Altri 53 MW sono idroelettrici, distribuiti su tre impianti negli stati di Michoacán, Jalisco e Guerrero, mentre altri 0.13 MW appartengono a un progetto solare pilota (il primo del Paese dotato di innovativi moduli fotovoltaici flessibili a film sottile) creato in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP16) andata in scena nel 2010 a Cancún. Nell’area siamo anche in Guatemala, Panama e Costa Rica dove possiamo contare su una presenza storica e consolidata, specialmente in ambito idroelettrico.

 

Quali sono i progetti attualmente in cantiere?

Siamo in procinto di avviare la costruzione di tre impianti solari fotovoltaici con una capacità totale di circa 1 GW. Si tratta di Villanueva e Villanueva 3, situati nello stato di Coahuila, che avranno una capacità installata totale di 754 MW, e Don José nello Stato di Guanajuato con una capacità installata di 238 MW. L’azienda sta anche per avviare anche la costruzione dell’impianto eolico da 93 MW di Salitrillos nello Stato di Tamaulipas.

 

Il congresso del Messico ha recentemente approvato una riforma energetica che ha rivoluzionato l’intero settore. Quanto ha influito questa svolta nella strategia di EGP?

Notevolmente. La riforma energetica messicana, una delle più moderne e stabili mai realizzate al mondo, ha portato a una sostanziale apertura del mercato che ha permesso al Paese di attrarre ingenti investimenti privati e stranieri. Basti pensare che solo EGP ha già realizzato investimenti per oltre 1,5 miliardi di dollari e nei prossimi due anni investirà la stessa cifra. Questa riforma consente una stabilità del mercato di lungo periodo e proprio per questo il Messico risulta essere ad oggi uno dei Paesi maggiormente strategici per il Gruppo.

 

Come vi muovete attraverso le gare messicane per aggiudicarvi il diritto di avviare dei progetti rinnovabili?

A seguito della riforma energetica, nel Paese è stato possibile firmare contratti con la Commissione Federale dell'Elettricità (CFE) per la fornitura di energia a lungo termine, un fattore che ci ha permesso di confermare la nostra leadership nel settore e consolidare la nostra posizione di più grande operatore di energia rinnovabile del Paese. Nel 2016 ci siamo aggiudicati il diritto a firmare contratti per la fornitura di energia per 15 anni e di certificati verdi per 20 anni con tre progetti solari fotovoltaici (per una capacità installata totale di circa 1 GW) nella prima gara pubblica a lungo termine tenuta nel Paese dall'introduzione della riforma energetica. Nessuna altra azienda si è mai aggiudicata così tanti MW in un’unica gara, senza dimenticare che nel Paese stiamo costruendo impianti solari di grandezze mai viste. Vorrei però sottolineare che l’attività di Enel Green Power non si conclude nella creazione di impianti e di megawatt, ma prosegue in un continuo impegno nel garantire un approvvigionamento energetico accessibile e sostenibile nel lungo periodo, creando valore condiviso con le comunità di cui siamo parte.

 

Si spieghi meglio…

Parlo di Creating Shared Value (CSV), ovvero creazione di valore condiviso. Enel Green Power punta a creare valore non solo per il Gruppo ma anche per le comunità in cui è presente, impegnandosi a portare benefici alle persone e al territorio. Attualmente abbiamo oltre 500 progetti di CSV in corso in tutto il mondo e circa il 50 per cento di questi riguardano i Paesi del Centro e del Sud America. Questo modello di Creating Shared Value permette di combinare valore economico e sociale favorendo il coinvolgimento degli stakeholder lungo tutta la catena di valore: dal Business Developement fino al Engineering & Construction e alle Operation & Maintenance. Lo stesso amministratore delegato di Enel, Francesco Starace, ha annunciato nel settembre 2015 l’intenzione del Gruppo di contribuire al raggiungimento di quattro degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (UN Sustainable Developpement Goals - SDG), verso i quali sono rivolte gran parte delle nostre azioni in ogni Paese.

 

Quali sono i maggiori progetti di CSV in corso in Messico?

Tra i tantissimi progetti vorrei citare "Una mano per la vita", iniziativa che ci ha visti tutelare l'ambiente curando la riubicazione della flora e della fauna nelle aree del nostro parco eolico di Dominica, oltre a donare mulini alle comunità locali e installare dei pannelli solari nelle scuole dove ora c'è corrente elettrica. Non dimentichiamo poi la collaborazione con il Barefoot College, ONG indiana che da oltre quarant’anni rivolge la propria attività educativa a donne analfabete o illetterate dei villaggi rurali più poveri del mondo, fornendo loro l'istruzione necessaria per ottenere una maggiore indipendenza e promuovere l’uguaglianza di genere. EGP ha inoltre siglato di recente due accordi di collaborazione con l’università autonoma di Chapingo (UACH) nell’ambito della ricerca e del trasferimento tecnologico per incrementare progetti sperimentali agricoli e sostenibili. L’obiettivo principale è promuovere pratiche e tecniche volte a migliorare la produttività delle comunità che abitano nelle zone presso gli impianti eolici di EGP nei comuni di Ojuelos, Mazapil e Villa de Cos. Altri progetti sono stati invece destinati a tutti i nostri colleghi di EGP Mexico.

 

Ad esempio?      

Attraverso l’iniziativa "Become & Engage", Enel Green Power si impegna a creare un perfetto equilibrio professionale e personale nella vita dei suoi dipendenti, aumentando la produttività e puntando ad essere uno dei migliori luoghi di lavoro al mondo. E’ quindi nato il programma “Be Enel” che include attenzioni alla salute, alla sicurezza, alla cultura e ai famigliari di ogni nostro collega. Sono previsti ad esempio abbonamenti scontati per la palestra, tornei sportivi e promozioni su attività culturali come teatro, cinema ed eventi per tutta la famiglia. Ogni collega può contare su orari flessibili di entrata e uscita in ufficio, oltre a mezze giornate di lavoro il venerdì e nei giorni dedicati alla festa della Mamma e del Papà. Inoltre, con l'obiettivo di promuovere una cultura di mobilità e innovazione sostenibile all'interno dell'azienda e tra i colleghi, EGP Messico ha avviato un progetto di Car Sharing. L’iniziativa, che prevede l’utilizzo di una BMW i3 totalmente elettrica e a emissioni zero, è stata lanciata affinché i colleghi possano utilizzare l'auto sia per motivi personali che lavorativi, al fine di migliorare l'ambiente e formare una coscienza ambientale.

 

Nel Paese sta anche nascendo Enel Energía México. Di cosa si tratta?

Il mondo dell’energia è in continua evoluzione. Il nuovo piano industriale del Gruppo ha introdotto due nuovi fattori, la digitalizzazione e l’attenzione al cliente, destinati ad accelerare la creazione di valore per gli stakeholders. Enel Energía México si inserisce perfettamente in questo scenario di grandi cambiamenti, avvicinandosi alle esigenze dei grandi clienti, i cosiddetti Commercial & Industrial customers (C&I) ai quali proponiamo offerte su misura e un’attenzione costante.

 

Tribuna Economica

 

(Riproduzione riservata) 

EN IT